Ecco la sentenza della Corte Corte di Giustizia Europea secondo cui un servizio d’intermediazione,  avente ad oggetto la messa in contatto mediante un’applicazione per smartphone, dietro retribuzione, di conducenti non professionisti, che utilizzano il proprio veicolo, con persone che desiderano effettuare uno spostamento nell’area urbana, deve essere considerato indissolubilmente legato a un servizio di trasporto.

Registrati per leggere il seguito...